PREVALENZA E TRATTAMENTO DEL DOLORE NELLE CASE DI RIPOSO
16 Aprile 2019
Masterclass “TECNICHE DI MANIPOLAZIONE E APPLICAZIONE CLINICA” – MONZA
4 Maggio 2019

ISTRUZIONI PER L’IGIENE ORALE NELLE PARAODONTOPATIE


L'educazione all’igiene orale è un intervento ampiamente praticato ma una maggiore conoscenza della salute orale non ha necessariamente un impatto significativo sulla prevalenza della malattia orale nella popolazione generale.
E’ noto che le due patologie del cavo orale più frequenti (parodontopatia e carie) siano mediate da batteri e possano essere prevenute da un controllo soddisfacente controllo del biofilm dentale.
Il biofilm dentale inizia a formarsi subito dopo la sua rimozione dalla superficie del dente.
L’epidemiologia della carie dentaria e periodontite in molti paesi sviluppati sono cambiati negli ultimi cinque decenni a causa di migliori pratiche di salute orale.
Questi cambiamenti enfatizzano anche le disparità nella salute orale, con una prevalenza maggiore di malattie del cavo orale nelle popolazioni economicamente svantaggiate.
Questo rilievo epidemiologico ha perciò cambiato il ruolo dell’odontoiatria, passata da “servizio di riparazione dentale” ad un “servizio di prevenzione della malattia dentale”, agendo prima dell’insorgere della patologia.
Il problema della malattia parodontale viene preso in esame nel lo studio longitudinale di Amoo-Achampong e Coll dell’Università di Pittsburgh,USA, che hanno misurato sanguinamento e placca in 227 soggetti con malattia parodontale per determinare l’impatto di un programma di educazione all’igiene orale.
Sono state valutate, nel corso di visite odontoiatriche ripetute, l’accumulo di placca ed il sanguinamento gengivale di ciascun paziente, e i soggetti esaminati, sono stati suddivisi in tre gruppi in base allo stato di igiene orale successivo al programma di educazione all’igiene orale proposto inizialmente.
I modelli di igiene orale basati su paraodontopatia e sanguinamento gengivale, sono poi stati valutati in relazione ad età, sesso, origine etnica, genotipo per IL1α e β, diabete, abitudine al fumo e altre patologie concomitanti.
Dallo studio sono emersi tre modelli di risposta alle istruzioni sul mantenimento dell’igiene orale proposti (miglioramento, peggioramento o fluttuazione dell’ igiene del cavo orale)
Di tutti i fattori esaminati sono emerse differenze significative solo in base alle differenze di provenienza etnica: soggetti origine caucasica hanno mostrato più spesso fluttuazioni della qualità di igiene dentale dopo il percorso di educazione d iigiene orale proposto.

Fonte: Amoo-Achampong F & Al: Complex patterns of response to oral hygiene instructions: longitudinal evaluation of periodontal patients. BMC Oral Health (2018) 18:72