Instabilità posturale negli anziani con deterioramento cognitivo
15 Ottobre 2019
La Terapia Manuale è efficace nei pazienti con Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO)?
1 Dicembre 2019

Utilizzo della “Dance Movement Therapy” nella Depressione





La depressione è la principale causa di malattie mentali in tutto il mondo.
Sebbene interventi come la Dance Movement Therapy (DMT) possano offrire opzioni di trattamento interessanti e accettabili, le attuali linee guida cliniche non includono questi interventi nelle loro raccomandazioni principalmente a causa di ciò che viene percepito come insufficiente evidenza di ricerca.
La revisione Cochrane 2015 sulla DMT per la depressione comprende solo tre studi che portano a risultati inconcludenti non essendoci in letteratura Trial Multicentrici Controllati e Randomizzati (RCT).
Un tentativo di sintetizzare i dati sull’efficacia della “Dance Movement Therapy” (DMT) nella depressione, è stato condotto dall’equipe di Kartou che ha effettuato una sintesi narrativa qualitativa analizzando 817 studi dei quali solo 8 utili rientravano nei criteri di selezione dello studio.
Sono stati analizzati 351 soggetti affetti da depressione moderata/severa Di questi 159 sono stati sottoposti a trattamento antidepressivo e 192 oltre alla terapia antidepressiva hanno partecipato ai gruppi di DMT.
I risultati suggeriscono che, dopo 3 mesi, c’è stata una diminuzione dei punteggi dei test per la valutazione della depressione a favore del gruppo DMT + terapia standard. Lo stesso dato è stato confermato con risultati ancora migliori nei soggetti ultra65enni.
Le conclusioni tratte dagli autori sono che la DMT sia un intervento efficace nel trattamento degli adulti con depressione.
Inoltre, attingendo a una vasta gamma di progetti di diversa qualità, gli autori hanno traccciato un quadro completo delle tendenze rilevanti relative all'uso della DMT nel trattamento della depressione.
Nonostante gli studi di alta qualità siano pochi, i risultati hanno una rilevanza sia per la politica che per la pratica clinica e potrebbero essere la base per ulteriori ricerche.

Fonte: Karkou V , Aithal S, Zubala A, Meekums B